BahaiBigarello
© 2005-14 Assemblea Spirituale Nazionale dei bahá’í d’Italia | Webmaster Claudio Malvezzi |

Mausoleo del Bab

Nel corso di una di queste visite in cui la Sua tenda venne piantata vicino al monastero carmelitano, Egli, « il Padrone della Vigna (Bahá'u'lláh) », rivelò la Tavola del Carmelo , importante per le sue allusioni e profezie. In un’altra occasione, mentre Si trovava sul pendio della montagna, indicò ad ‘Abdu’l-Bahá il punto che doveva essere la perpetua estrema dimora del Báb, dove sarebbe poi stato eretto un degno mausoleo.                                                                                                      da “Dio passa nel mondo Persino il santuario più oscuro e nascosto aveva il suo fluttuante stoppino o una rossa scintilla d’incenso. Ma qui, nella nuda cella sulla montagna, nessuna lampada né candela né luce. Solo tenebre, solo il lento freddo sgocciolio a corrodere i mattoni delle mura e dell’impiantito. Il mondo accendeva le sue lampade, i suoi candelieri e i suoi turiboli per Lui: e Lui, qui sulla montagna, solo, un prigioniero nell’oscuritá... Marzieh Gail (Epilogo) Ora il Suo Mausoleo, per desiderio della Casa Universale di Giustizia, è illuminato a giorno ogni notte. (n.d.w.)